LOCANDINA:

Il cacciatore di Aquiloni

Il cacciatore di Aquiloni

TRAILER:

TRAMA:
In trent’anni di storia Afgana, dalla fine della monarchia all’invasione russa, dal regime dei Talebani fino ai giorni nostri , la storia di due amici d’infanzia si intrecciano fino alla scoperta della verità.
Amir è un giovane pashtu di famiglia agiata, uno dei pochi a possedere abiti americani, ma anche l’unico ad avere come migliore amico il suo servo hazara (etnia ritenuta inferiore). Amir e Hassan sono inseparabili, per loro la razza non conta, uniti dalla passione per i film americani proiettati nei teatri, ma soprattutto dall’amore per gli aquiloni.
E’ il giorno della tradizionale gara degli aquiloni a Kabul, la città è in festa e in cielo ne volano numerosi, ma a spuntarla sono loro due, rimasti uniti per la vittoria fino alla fine.
In questo giorno di grande felicità, in un vicolo accadrà qualcosa che sconvolgerà la vita dei due protagonisti, qualcosa che spezzerà il loro rapporto per sempre, e che solo il tempo riuscirà a recuperare.
Amir costretto dall’invasione russa, ancora poco più che un bambino, si trasferirà con il padre Baba negli Stati Uniti.
A San Francisco le cose cambieranno, Baba dovrà sudare per raggiungere una stabilità economica,
ma il rapporto con suo figlio diventerà profondo e sincero.
L’ormai ex-bambino Pashtu, diventato un giovane scrittore di romanzi, riceverà una telefonata da Rahim Khan, un vecchio amico di suo padre. Questa telefonata simboleggerà l’inizio di un lungo viaggio e Amir sarà costretto a fare ritorno nel paese dal quale era fuggito.
Giunto in Afghanistan,dovrà confrontarsi con una tormentata amicizia d’infanzia che tornerà a chiamarlo,
con un passato che non l’ha mai abbandonato, con una Kabul profondamente cambiata dal regime Talebano.
Dovrà partire e tornare a casa, per curare le ferite mai rimarginate, per saldare i conti con i propri errori mai espiati.
Ad attenderlo nella “nuova” Kabul, non ci saranno solo i fantasmi della sua coscienza, ma anche una scoperta sconvolgente, in una città violenta che lo metterà a dura prova.
In questo posto, dove la normalità è diventata illegale e le donne animali, Amir inizierà a fare i conti con i suoi rimorsi, a scoprire le sue vere origini e ad avere finalmente dalla vita la possibilità di riscattarsi.

OPINIONI:
“Il cacciatore di aquiloni” è l’adattamento cinematografico del famoso romanzo di Khaled Hosseini, uno dei più grandi successi letterari degli ultimi anni, che è riuscito a conquistare il cuore di milioni di lettori.
A dirigere l’attesa trasposizione cinematografica di questo fortunatissimo romanzo è Marc Forster, regista
di “Neverland”, sulla base di una sceneggiatura di David Benioff.
Come milioni di persone nel mondo ho letto il libro di Khaled Hosseini.
Il film sicuramente è di tutto rispetto, ma non riesce a suscitare le stesse emozioni del libro, forse perchè la visione di Kabul in questo caso ci viene offerta da occhi occidentali.
Il regista non riesce a trasmettere allo spettatore la crudeltà di questo paese, a far percepire la paura del protagonista nell’affrontare i talebani, quasi non dando la possibilità allo spettatore di capire una realtà complicata come quella di Kabul.
Inspiegabilmente David Benioff non inserisce, nella versione cinematografica, diversi avvenimenti presenti nel libro che avrebbero reso la trasposizione più incisiva e convincente.
Di solito non si dovrebbero paragonare due forme di comunicazione cosi diverse, ma in questo caso, il successo letterario è stato cosi grande che si è quasi costretti.
Nonostante l’obiettivo soddisfatto solo in parte, l’interpretazione di Khalid Abdalla (Amir) convince, e particolare attenzione va ai due piccoli attori Zekeria Ebrahimi e Ahmad Khan Mahmoodzada (Amir e Hassan da bambini), entrambi bravissimi e alla prima esperienza cinematografica.
Il film è stato vietato in Afghanistan. La motivazione data è che “Ci sono scene inadatte al pubblico” che accenderebbero l’odio razziale.
Ma questa è solo una delle diverse tensioni che il film ha portato con se in Afghanistan.
I giovanissimi protagonisti del film sono stati messi sotto sorveglianza per il timore che finissero nel mirino dei Talebani.
Una scelta appoggiata dallo stesso presidente Hamid Karzai, preoccupato dell’alleanza politica fra hazara e pashtun, entrambi sostenitori del governo.
Il film racconta una bellissima storia e per nulla scontata, che molto probabilmente deluderà un pò chi come me ha letto il libro, ma al di la di questo rimarrà un film da guardare che sicuramente susciterà emozioni, e alle emozioni non si può che rispondere si.

Voto: 7/10

PREMI VINTI:

-Broadcast Film Critics Association Awards
Choice Award

-Best Young Actor
Ahmad Khan Mahm

-Satellite Awards 2007
Migliore colonna sonora per Il cacciatore di aquiloni – Alberto Iglesias

-Best Original Score
Alberto Iglesias
E tu cosa ne pensi di questo film? Scrivi un commento e facci sapere la tua opinione!!