LOCANDINA:

Casinò Job

Casinò Job

TRAMA:
The house doesn’t always have the advantage… Il banco non ha sempre il vantaggio! Con questa intrigante tagline il giovane regista statunitense, dal cognome alquanto bizzarro, Christoper Robin Hood, cerca di bissare il successo dell’ormai datata commedia romantica “Coping”, suo film d’esordio. Per farlo questa volta sceglie il genere thriller e lo ambienta nella città del peccato per eccellenza. A livello globale la pellicola rasenta il soft-porn e non ha nulla a che vedere con “The Italian Job”, da cui è stata presa ispirazione per il titolo, se non per il fatto che l’elemento centrale è un “colpo”.

Un gruppo di quattro avvenenti stripper é alle prese con il piano di derubare un poker casinò della “Strip” vegasiana . Il movente non è però solo il banale arricchimento, molto più importante infatti è la vendetta nei confronti del proprietario del casinò: un balordo, Barry Kaylin, che ha violentato Jennifer la più giovane fra le ragazze. Barry aveva assoldato le quattro giovani per uno spettacolo da offrire ad alcuni dei suoi associati, ma dopo aver esagerato con la cocaina finisce con l’usare violenza alla ragazza. A Las Vegas denaro vuol dire potere: all’indomani dello stupro la polizia crede alla versione del magnate che giura che il sesso è stato consensuale. Le ragazze però non ci stanno: con l’aiuto di due impiegati pianificano la rovina del Crystal Sky Casino. Alla fine però, fra doppi giochi inaspettati e l’entrata in scena di un pericoloso e misterioso mercenario, all’improvvisata banda del buco non resta molto tempo per completare la truffa pianificata…

OPINIONI:
L’idea per la trama è di per sè buona, peccato però che il regista abbia speso molto più tempo a inventare nuovi modi di far svestire le sue ammiccanti protagoniste piuttosto che sviluppare a dovere la struttura e la narrazione del colpo stesso. Anche la recitazione non è delle migliori, e spesso la credibilità degli schemi narrativi ne esce molto indebolita. Il risultato è una pellicola frammentaria, ma che se non altro non lesina in scene ad alto tasso erotico. Non è sicuramente un film imperdibile tuttavia, noleggiare il DVD per una serata fra amici può non essere una cattiva idea.